Breadcrumbs
Corpo Pagina
Alà dei Sardi

Il territorio di Alà dei Sardi è stato abitato sin dall’epoca preistorica, come è testimoniato dalla presenza di menhir, nuraghi, tombe di giganti e un santuario con pozzo sacro.
Nei pressi della chiesetta campestre di Sant’Antonio si trova il grande menhir di Pedra de Lughia Rajosa. Nei dintorni del paese si trovano le tombe dei giganti Alteri, Mala Carruca, Padentes, S’Ena ‘e su Barone e Sas Tumbas, oltre ai resti di vari nuraghi, come i nuraghi Boddò e il trilobato Binione.
Il villaggio nuragico di Su Pedrighinosu conserva capanne a pianta circolare e anche una fucina.
Il santuario nuragico di Sos Nurattolos è indubbiamente il sito più importante della zona. Si tratta di un complesso sacro dedicato al culto delle acque composto da un tempio a megaron, ben conservato, di pianta rettangolare, posto a oltre 1000 metri di altezza.
Nel territorio di Alà dei Sardi si trova anche la stazione romana di Lathari, una tappa del servizio postale e dei trasporti lungo la via che portava alle sorgenti del fiume Tirso.
Presso il sito furono rinvenuti, vasi, oggetti in bronzo e un anello d’oro con il ritratto di un imperatore.

ph. credits: Gianni Careddu, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Torna su