Breadcrumbs
Corpo Pagina
Pula

Nora si trova nella parte occidentale del golfo di Cagliari nel comune di Pula. E’ una città di antica fondazione, frequentata già dai fenici (7°-6° sec. a.C.), che scelsero questo particolare luogo come insediamento stabile grazie alla sua conformazione morfologica. Si tratta infatti di una penisola che si protende verso il mare con due promontori, la Punta ‘e Su Coloru (la punta del serpente) e la Punta del Coltellazzo, collegata alla terra ferma da uno stretto istmo.
In età punica (fine 6° – 3° sec. a.C.) Nora conobbe una fase di grande sviluppo, che proseguì anche con il passaggio sotto la sfera politica di Roma (dal 238 a.C.). Anzi come le altre città romane a vocazione marittima, Nora potenziò in periodo romano le sue strutture portuali concentrate nel versante nord occidentale della penisola. Di grandissimo rilievo è, sicuramente, la stele, rinvenuta nel 1773. Si tratta di un blocco di pietra arenaria recante un’iscrizione che sembrerebbe essere stata eseguita in alfabeto fenicio.
Lo status di “municipium” (seconda metà 1° sec. a.C.) comportò la realizzazione del foro nella zona orientale della città, in un’area già occupata da magazzini di epoca punica, demoliti e interrati a questo scopo.
In età giulio-claudia Nora e le altre città sarde conobbero una fase di grande sviluppo edilizio con la costruzione di edifici monumentali (teatri, anfiteatri, impianti termali, strade, acquedotti). Il teatro di Nora costruito sfruttando la conformazione naturale del terreno nelle vicinanze del foro risale proprio a questo periodo.

Torna su